Afghanistan 1979-89 – Atto IV: il fronte della Resistenza

La Minerva

LA RINASCITA DEI PARTITI POLITICI, TRA ESILIO E JIHAD

La necessità di ottenere una qualche forma di riconoscimento ad opera della comunità internazionale, in particolar modo da queiPaesi dichiaratamente ostili al Cremlino come l’Arabia Saudita, la Cina e gli Stati Uniti d’America, costituì un potente catalizzatore per la rinascita dei partiti politici in un contesto di clandestinità. Piuttosto indicative risultano essere le parole dell’orientalista Olivier Roy che, nelle pagine del saggio Islam and Resistance in Afghanistan, riporta quanto segue:

Dopo l’insurrezione, i membri locali della Resistenza inviarono delegazioni in Pakistan e in Iran al fine di ottenere armi per le varie organizzazioni. Era indispensabile appartenervi, soprattutto per il supporto logistico nel negoziare aiuti dall’esterno, oltre che per la creazione delle reti di rifornimento. Un partito consentiva di sperare che la tradizionale segmentazione della società potesse essere superata […] in parole povere, esso permetteva l’accesso nell’arena politica.

Roy.O.,

View original post 2.974 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close